"Me ne stavo lì, a terra. Con un fiotto di sangue che si riversava su quel freddo e desolato marciapiede. Stavo crepando. Lo sapevo e non potevo farci niente, se non aspettare la morte..."



(da “L’inferno” di Sam Stoner)



lunedì 7 gennaio 2013

Sam Stoner si racconta attraverso il cibo


 
 
Grazie a Federica Gnomo per avermi ospitato nel suo blog Gnomo sopra le righe all'interno della rubrica "In cucina con lo scrittore". 
 
Non so che ritratto sia uscito di Sam Stoner, ma di sicuro Federica è riuscita a mostrare alcuni aspetti inediti della mia persona e anche qualche curiosità.

La prima domanda di rito è: le piace mangiare bene? E cucinare?
Mangiare è un’esperienza mistica. Misteriosa e totalizzante, capace di sedurre sensi, ragione e cuore. C’è un che di erotico. Quindi sulla mia tavola c’è solo il meglio, sempre. E mi piace cucinare, è una sorta di sofisticato autoerotismo culinario...

Il resto dell'intervista al link seguente