Il Manipolatore di Michael Robotham

di Sam Stoner

Un grande primo capitolo.
Fulminante. Non per quella stronzata scritta in quarta di copertina della donna nuda con due scarpe rosse e la scritta puttana sul ventre in bilico su un ponte, ma per la scrittura.
Michael ci sa fare. Soprattutto nel capitolo di apertura. Scrittura pervasa da ironia, incastonata in una cornice noir di prima qualità. Nessun eccesso strambo, nessuna forzatura, solo una atmosfera sospesa e avvolgente. Cupa. Nera quanto basta.
E ci sa fare con i personaggi. Il protagonista, il professor Joseph O’Loughlin, fa un’entrata degna di una star di Hollywood. Leggi di lui nel primo capitolo e dici a te stesso che un personaggio così sei disposto a seguirlo anche nelle viscere della Terra.
Ed è proprio questo che succede. Si continua a leggere per lui, il professore. Poi entrano altri personaggi, tutti nitidi, mai forzati. Persino quello più caratteristico, l’ispettore Veronica Cray, riesce maledettamente credibile. Forse mi è simpatico grazie alle battute che Robotham gli mette in bocca, chissà. Ma c’è una cosa da dire, sono battute che funzionano.
Il cattivo, invece, è stereotipato al massimo. Avrò letto un 30% dei capitoli a lui dedicati, sono noiosi.
Riguardo la storia sono cazzi.
Sì, perché quando si mette una donna nuda su un ponte con un cellulare vicino l’orecchio e poi si fa saltare giù si ottiene un primo omicidio grandioso. Ma solo questo. La prima cosa che si pensa è che qualcuno abbia rapito il figlio della vittima. Non si scappa. Risulterebbe poco credibile il suicidio di qualcuno dopo la comunicazione che ha perso il frullatore a causa della mancanza di un bollino della spesa.
Quindi, plot prevedibile. Nessun giallo da scoprire.
Tuttavia, non mi sento di bocciare il romanzo. Si legge bene, è scorrevole, strappa sorrisi, i personaggi sono piacevolissimi, la moglie del protagonista è una zoccola patentata e mi piace come Robotham sgretola questa tipologia di zoccola, la più subdola.
Interessante anche la professione del protagonista, uno psichiatra. Siamo abituati a detective e ispettori con capacità intellettive da premio Nobel (ridicoli), almeno qui il protagonista è uno psichiatra e quindi l’analisi comportamentale trova un suo perché.

Se siete degli scrittori vi consiglio di studiare bene i personaggi di Robotham, per la storia fate riferimento ad altri autori.


© 2011 by Sam Stoner



Il Manipolatore
Michael Robotham
Traduzione di Sonia Comizzoli
Fanucci Editore
Anno 2010
Pag. 590
Thriller psicologico
La carta è gialla e i caratteri di stampa sono grandi. Ottima facilità di lettura.

Post più popolari