Moscow's Fury, il mio tributo al crime

 

 

Moscow's Fury di Sam Stoner
Ebook 2012
Euro 1,99

Atlantis - Lite Editions
ACQUISTA 

 
Dalle mie ombre è nato Kirill Sivanicov, un giovane sbandato che vive le sue giornate nel distretto di Kuz’minki, uno dei quartieri più degradati della capitale russa, fra risse, assunzione di droghe e alcol e sesso occasionale.

Kirill, destinato per nascita a ingoiare merda e per destino a restituirla sotto forma di rabbia. Rabbia che a soli 16 anni lo porta a sfondare il cranio di un infame con una barra di acciaio, e poi di sopravvivere in uno dei più duri penitenziari di Mosca.

Kirill ha la violenza sulla pelle, sono le cicatrici
guadagnate sulla strada in risse e vendette.
Le sue mani sono sporche di sangue, un sangue ostentato con orgoglio, un sangue che gli permette di essere rispettato e salire di grado nella scala sociale della delinquenza di Kuz'minki, di avere tutte le donne che vuole e i gioielli che desidera.

In quel lembo disperato di terra dove vive, uccidere è il solo modo di sopravvivere, ma non sempre le cose vanno come dovrebbero, soprattutto se nel suo cuore resiste ancora un barlume di amore. Amore per la sorella, sua unica famiglia. È vero, lei si prostituisce per vivere ma è pur sempre sangue del suo sangue e quindi nessuno può mancarle di rispetto, nessuno può farle del male. Pena: la morte. Ed è in questa follia di vendetta che il mondo di Kirill si sbriciolerà in mille schegge letali.
Sam Stoner


 ANTEPRIMA

“Che la mia vita fosse una merda lo sapevo.
Ma non potevo permettere a nessuno di dirlo.
Né potevo permettere a nessuno di incasinarla più di quanto già non fosse.
Mi chiamo Kirill Sivanicov.
Un nome del cazzo, lo so. Ma questo mi ha dato mia madre. Forse perché quando sono nato avevo già la faccia da sbandato che ho adesso. Senza le due cicatrici, però.
Una sul sopracciglio destro a ricordo della mia prima rissa in un bar. L’altra vicino al labbro superiore. Sei punti di sutura messi a caso da un dottore fresco di scuola. Mi aveva preso per un pupazzo su cui allenarsi. Il taglio era il regalo di uno dei vecchi. Erano le prime bevute, le prime scopate e le prime risse. Mi sentivo un dio, pensavo di poter mettere a posto tutti. Feci lo stronzo con Anrej. Tempo dieci secondi e mi trascinò giù spingendomi il viso nel fango. Imparai a portare rispetto ai vecchi e soprattutto ad agire e parlare poco. Se devi dare una lezione a qualcuno fallo e basta.
Mosca è la mia città. Ma non è quella dei turisti o dei pezzi grossi che girano con l’autista per le boutique importate dall’Europa sulla Stoleshnikov Lane. È quella che nessuno vuole vedere, popolata da vite a termine. Vite come la mia...”

ACQUISTA 
(Euro 1,99) 





Post più popolari